Di Samuele Rizzo

Sfida da alta classifica al “Rigamonti”. Brescia e Lecce scenderanno in campo questa sera per giocarsi un posto alle spalle del Pisa capolista. Le Rondinelle hanno 17 punti, tre in meno dei nerazzurri toscani impegnati alle 20.30 sul campo della Cremonese. Ad una lunghezza di svantaggio ci sono i giallorossi salentini che in caso di successo scavalcherebbero proprio il team allenato da Pippo Inzaghi. I lombardi sono il miglior attacco del torneo con 20 reti realizzate mentre la squadra guidata da Marco Baroni è fra le migliori difese del torneo con otto gol incassati alle spalle di Perugia
cinque marcature subite – Benevento, Cremonese e Frosinone con sette. Quella di oggi è la 23a volta in cui Brescia e Lecce si affrontano con i precedenti
che sorridono alle Rondinelle con dieci vittorie a quattro e otto pareggi.

La formazione di “SuperPippo” è reduce dal successo contro la Cremonese che di fatto ha interrotto una striscia negativa di due sconfitte consecutive. Quella contro i grigiorossi è stata la seconda vittoria nelle mura amiche dopo quella contro il Cosenza, per il resto sono arrivati un pareggio e un ko. Il tecnico biancoblu dovrebbe riproporre lo stesso schieramento dell’ultimo turno con Bajic e Moreo in ballottaggio per un ruolo da centravanti mentre Palacio e Tramoni dovrebbero agire alle spalle della
punta.

L’UOMO CHIAVE: l’avversario più temibile per la retroguardia giallorossa è sicuramente Rodrigo Palacio. “El Trenza”, soprannome che gli hanno dato in Argentina per la sua celebre treccina, dopo anni gloriosi nella massima serie italiana tra Genoa, Inter e Bologna ha deciso di sposare la causa delle rondinelle per provare a fare il salto di categoria. I difensori di Baroni dovranno avere la concentrazione al massimo per coprire uno dei migliori ed esperti attaccanti della categoria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here