Crotone- Lecce, stavolta anche la prestazione convince.

di Flavio de Marco

Lecce in terra calabrese per cercare un risultato utile dopo la rocambolesca gara interna contro l’Alessandria. Crotone sistemato col 3-4-1-2 ed in campo Festa; Mondonico, Canestrelli, Paz; Mogos, Estevez, Donsah, Sala; Benali; Mulattieri, Maric.
Lecce col 4-3-3 e sullo scacchiere Gabriel; Gendrey, Tuia, Lucioni, Gallo; Helgason, Hjulmand, Gargiulo; Strefezza, Coda, Di Mariano.
I salentini rapidi e pressanti al quarto minuto trovano la via del gol con Di Mariano che fredda con un diagonale il portiere Festa, la combinazione offensiva premia la fase offensiva ed è 0-1. Sembra che gli esterni non siano troppo larghi e la manovra sorride agli undici di Baroni. Il Crotone reagisce riversandosi in attacco, Gabriel e compagni fanno, però, buona guardia. Molto pimpante Strefezza: uno svarione della difesa di casa innesca l’italo-brasiliano, buono il cross basso per Di Mariano che sigla, al minuto ventidue, il raddoppio e la doppietta personale, 0-2. Alla mezz’ora Maric si rende pericoloso, la difesa non si disimpegna e rischia. Gli acuti veri sono sempre giallorossi, Strefezza, stavolta, tenta la conclusione personale con un rasoterra velenoso che va di poco a lato. Si chiude il primo tempo con il parziale vantaggio del Lecce più che legittimato.
Nella ripresa Modesto cambia, dentro Nedelcearu per Mondonico, Molina per Sala e Vulic per Donsah. Nonostante lo stravolgimento adoperato dal Crotone è sempre il Lecce a guidare la danza rendendosi a più tratti del match pericoloso con Gargiulo, Coda, Di Mariano e Strefezza.
In difesa, Lucioni fa buona guardia su Mulattieri che si propone per i calabresi. Al minuto settanta uno Strefezza, in procinto di essere sostituito, scatenato, guadagna corsa e astuzia su un difensore del Crotone, dopo una ripartenza, si presenta solo davanti al portiere e cala il tris, 0-3. La formazione leccese figura molto bene. Baroni richiama lo stesso Strefezza, avendo speso molto, per Olivieri e Helgason per Bjorkengren.
Il Lecce adesso gestisce il risultato senza infierire, la squadra di Modesto, dal canto suo ha compreso di trovarsi di fronte ad un avversario in vena di vittoria.
Il Crotone richiama Estevez per Zanellato e fuori Benali per Kargbo. Il Lecce a dieci minuti dalla fine del tempo regolamentare inserisce Rodriguez per Di Mariano.
Zanellato impegna Gabriel in una difficile parata su un tiro potente e da posizione defilata.
Nel Lecce qualche minuto di gloria anche per Bleen e Calabresi che sostituiscono Gargiulo e Gendrey. In pieno recupero Maric si avvicina al gol della bandiera, ma, nulla di fatto, il suo colpo di testa si spegne sopra la traversa.
Prestazione e risultato non casuale per i giallorossi: si vede che il lavoro durante la settimana per tenere la squadra più corta e sfruttare le ripartenze, sta dando i suoi frutti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here