Di Samuele Rizzo

Dopo la pausa per le nazionali il Lecce va a Benevento nell’anticipo del venerdì.
Mister Baroni in conferenza stampa afferma:”Conservo ricordi meravigliosi legati al Benevento- in relazione alla sfida dell’allenatore fiorentino contro una società del suo passato e alla città -.Nei percorsi ci possono essere note dolenti per entrambi, ma sono situazioni che fanno parte di un percorso di crescita. Restano le cose belle che ho vissuto nella mia avventura lì. Un ricorso speciale? La partita che giocammo in casa col Frosinone fu determinante, in caso di sconfitta non saremmo andati ai playoff, noi vincemmo quella gara riuscimmo a centrare i playoff che ci permisero di andare in serie A.”
Alla domanda sulla condizione della squadra risponde: “Mi aspetto una squadra in crescita. Contro il Como abbiamo incontrato una squadra che giocava sotto la linea del pallone, brava a difendersi. Siamo stati poco reattivi nello sfruttare le situazioni che si potevano creare, spesso per un errore tecnico o per situazioni da migliorare. Giocheremo una partita importante e difficile, ma sarà bello anche per questo. Abbiamo bisogno di queste partite per misurare la crescita della squadra. Avremo davanti un avversario molto importante, che viene da un campionato di serie A. Deve essere uno stimolo, non un timore. Differenze rispetto all’ultima sfida di campionato? La difficoltà di partite come quella contro il Como sta nello sfondare contro un avversario che dà pochi spazi e ti lascia la gestione della palla. Questa deve essere una gestione finalizzata a sfruttare al meglio determinati momenti. Ci manca ancora questa capacità. Domani sarà una partita in cui ci affronteremo a viso aperto, ci saranno spazi sia per noi che per loro. Ho visto Benevento-Napoli, ma siamo stati più concentrati a lavorare sul campo. Risultati come quello che hanno ottenuto contro i partenopei danno fiducia”.

Infine sui nuovi Mister Baroni afferma:” Di Mariano e Gargiulo hanno molte probabilità di giocare. Dobbiamo bruciare i tempi, anche attraverso la semplicità. Quando si arriva in un ambiente nuovo bisogna partire dalle cose semplici, ma la cosa fondamentale è l’atteggiamento, quello non deve mai mancare. Barreca e Calabresi hanno entrambi grande voglia, questo è qualcosa che li aiuterà ad anticipare il loro recupero. Calabresi è leggermente più avanti, oggi a Barreca ho chiesto quanta voglia ha di giocare e lui mi ha detto che ne ha tantissima. La voglia sopperisce a qualcosa che può mancare dal punto di vista del ritmo partita”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here