Uno spicchio di sole al Via del Mare dopo tanti giorni di pioggia, Corini schiera Gabriel; Adjapong, Lucioni, Dermaku, Zuta; Majer, Tachtsidis, Paganini; Mancosu; Coda, Stepinski. Anche Nesta, per il Frosinone, utilizza il 4-3-1-2 con Bardi; Salvi, Brighenti, Curado, Szyminski; Zampano, Kastanos, Maiello; Rohden; Parzyszek, Novakovich.
Gli ospiti schiacciati nella propria metà campo nei primi dieci minuti, a fatica respingono le soluzioni, in fase offensiva, del Lecce. Minuto tredici ed il Frosinone guadagna un calcio di rigore: Adjapong atterra Parzyszek, il quale si fa trovare al posto giusto dopo una bella ripartenza. Sul dischetto lo stesso attaccante polacco realizza con un potente rasoterra. 0-1, Lecce in svantaggio ed avversari ringalluzziti. Non trovano molti varchi i giocatori del Lecce e la gara, nel complesso è giocata su ritmi alti. Al ventiduesimo Coda di testa prova a farsi largo tra maglie del Frosinone, la sua conclusione è debole.
Salvi impegna, seriamente, Gabriel: il giocatore del Frosinone sferra un tiro al volo nell’area leccese, il Lecce si salva in extremis. Qualche minuto e Novakovich sfiora il raddoppio per la sua squadra, Lucioni e compagni attaccano e contengono insieme. Proprio Lucioni lascia il campo per un lieve infortunio, infiammazione al ginocchio per lui e dentro Meccariello. A due minuti dalla fine della prima frazione, Adjapong fa un colpo da fenomeno, su cross di Mancosu stoppa e tira di sinistro in mezza sforbiciata, gran gol del pareggio, 1-1 ed i giallorossi trovano fiducia al cospetto di un avversario assai ostico.
Il secondo tempo inizia con il pressing giallorosso. Adjapong prova a fare lo scherzetto di nuovo con un sinistro a giro: la sfera finisce di poco sopra l’incrocio.
Doppio cambio nel Lecce, fuori Stepinski e dentro Falco, fuori Paganini e dentro Henderson.
Minuto sessanta ed il capitano, Marco Mancosu, complice il pressing di tutta la formazione giallorossa, interviene in scivolata su Bardi, l’estremo difensore non fa in tempo a rinviare, intervento in anticipo del centrocampista sardo ed è 2-1, un chiaro esempio di grinta, tecnica e tenacia.
Il Frosinone reagisce con Kastanos, molto pericoloso e attivo. Corini, intanto, mette Listkowski per Majer e Calderoni per un acciaccato Dermaku.
Il Frosinone mette Tribuzzi per Parzyszek e fuori Salvi per Beghetto.
Novakovich spaventa Gabriel con un colpo di testa potente, il portiere giallorosso sventa il pericolo.
Anche Kastanos fa posto a Carraro.
Calderoni a dieci minuti dalla fine del match rischia di procurarsi un rigore, ma, il direttore di gara non crede al giocatore leccese, eppure l’intervento falloso appariva evidente.
C’è tempo per Tabanelli e per il suo ingresso da ex. Per i giallorossi giunge la più classica delle beffe: Novakovich si districa bene in una mischia in area leccese e pareggia i conti.
Nel recupero Mancosu prova a portare in vantaggio, nuovamente, il Lecce, però nulla da fare, il risultato rimane inchiodato sul 2-2.
Il Lecce vede, certamente, il bicchiere mezzo vuoto, avrebbe meritato il risultato pieno anche se il Frosinone non ha mai mollato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here