di Sara Santoro

Il bomber Massimo Coda, capocannoniere della Serie B con 20 gol all’attivo, 5 doppiette (4 consecutive) e una tripletta, ha risposto in mattinata alle domande dei giornalisti. Venerdì pomeriggio l’attaccante incontrerà una sua grande ex, la Salernitana, alla quale ha dichiarato di essere legato da ricordi indelebili. 

Per quanto riguarda la classifica, che al momento vede il Lecce al secondo posto con la squadra campana a -1 dai giallorossi, Coda ha dichiarato di aspettarsela già perché la squadra ha un grande potenziale. Solo in alcuni momenti sono stati fatti degli errori che hanno impedito ai giallorossi  di essere subito lì. “Ora dipende tutto da noi, possiamo concentrarci solo sui nostri risultati, pensando a vincere partita dopo partita per raggiungere l’obiettivo”.  

Coda poi ha parlato anche dei suoi compagni di reparto sottolineando le caratteristiche diverse di ognuno: Pettinari lega bene il gioco e attacca la profondità, liberando molto gli spazi; Rodriguez è un giocatore più frizzantino, che può decidere da un momento all’altro le partite, mentre Stepinski attacca la profondità e difende la palla. Fra tutti però, quello con cui ultimamente si è trovato benissimo è Pettinari, anche se la decisione sul suo compagno di reparto spetta sempre al mister. Parlando di Corini, ne ha elogiato la capacità di non aver caricato la squadra di responsabilità quando le cose non andavano per il verso giusto. 

Il suo obiettivo principale è andare in Serie A per avere l’opportunità di fare come Ciccio Caputo: centrare la promozione e far bene nella massima serie. A dividerlo dal suo sogno sono otto partite, la prima delle quali è venerdì. Uno scontro diretto molto difficile. Coda ha dichiarato di aver visto la Salernitana contro il Brescia e di essere  rimasto impressionato per la loro solidità. E’ una squadra che subisce poco, gioca uomo su uomo ed è aggressiva, quindi bisogna essere tecnicamente perfetti per portare a casa i tre punti. 

“Venire da quattro vittorie consecutive ci aiuta, prepariamo la partita con maggiore tranquillità. Il match va gestito come abbiamo sempre fatto, cercando di far la partita, sapendo che la Salernitana ci aspetterà. Dobbiamo cercare di colpirli il prima possibile, dovremo spingere al massimo sin dai primi minuti”. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here