Cittadella-Lecce 1-2, fondamentali i cambi tattici

di Flavio de Marco

Partita in terra veneta tra Cittadella e Lecce, gli uomini di Gorini col 4-3-1-2 vanno in campo con Kastrati, Perticone, Adorni, Tounkara, D’Urso, Vita, Donnarumma, Okwonkwo, Branca, Pavan, Baldini.
Lecce col 4-3-3 e sullo scacchiere Gabriel, Lucioni, Gendrey, Gallo, Bjarnason, Bjorkengren, Hjulmand, Di Mariano, Olivieri, Coda.
I giallorossi esprimono un calcio semplice ed incisivo, qualche lancio lungo mette in apprensione la difesa casalinga. Al minuto nove un’azione che passa dai piedi di Hjulmand si concretizza sulla sponda di Di Mariano e la fredda realizzazione del bomber Coda, gol a freddo, il Lecce passa, 0-1.
Il Cittadella rialza la testa e Gallo deve tenere a bada con le buone e con le cattive D’Urso, molto attivo tra i suoi.
Alla mezz’ora la gara si innervosisce Tounkara mette in subbuglio a più riprese la retroguardia salentina. Gabriel non è affatto in giornata, uno svarione del portiere leccese si trasforma in un regalo per la squadra avversaria, Lucioni è lesto a metterci una toppa. Alla fine del primo tempo il Cittadella si vede annullare un gol di Okwonkwo per una precedente fuoriuscita del pallone durante l’azione orchestrata da Baldini. Tuttavia il Lecce è assente, in difesa regna la confusione, Okwonkwo stavolta non sbaglia e sigla il pareggio con un diagonale, 1-1. Si va al riposo col risultato in parità.
Baroni inizia la seconda parte del match con Meccariello per Bjarnason e Strefezza per Olivieri. Il Lecce si fa vedere dalle parti di Kastrati prima con Coda e poi con Di Mariano, ma, si gioca a ritmi blandi. Minuto sessacinque e Coda sfiora il vantaggio, palo sfiorato, il bomber si avvicina al gol su suggerimento di Bjorkengren.
A venti minuti dal termine fuori Donnarumma e dentro Benedetti. Cambia ancora il Lecce, dentro Rodriguez e Blin e fuori Bjorkengren e Gargiulo.
Questi innesti sono provvidenziali per il Lecce, Strefezza disegna una bella parabola bassa per Di Mariano che non perdona e batte Kastrati, 1-2, giallorossi galvanizzati.
Nei minuti finali spazio anche per Paganini al posto di Di Mariano.
Il Cittadella corre ai ripari fuori Okwonkwo e Tounkara per Tavernelli e Beretta. Meccariello e Gallo fanno buona guardia sulle scorribande finali dei padroni di casa.
Il Lecce porta in cascina altri tre punti estremamente preziosi che fanno ben sperare per il proseguio del campionato. Ancora qualche falla nella difesa che risulta essere altamente nociva. La fase offensiva, quando messa in atto coi giusti elementi, è molto valida.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here